riepilogo esame 26 gennaio

by

lunedì l’esame è alle 15.30 in D5 aula/oo1.

la discussione come previsto sarà collettiva: ciascuno si prepari a sostenere le tesi del libro scelto – poco importa che vi convincano o meno – in una discussione sul perchè dei risultati delle elezioni politiche 2008.

chi non deve sostenere l’esame ma ha partecipato a progetto pd e discussioni varie può fare da moderatore, o almeno da pubblico.

durante l’esame fate come se foste l’autore del libro scelto, coerenti, decisi, cercando di convincere gli altri della bontà delle vostre tesi. preparatevi dai 3 ai 5 minuti a testa per un intervento iniziale e poi si discuterà.

confermerei l’idea di registrare sia audio che video, io provo a portare una telecamerina, chi ha apparati tecnologici li porti.

per chi ha scelto di fare l’esame individuale la discussione sarà tradizionale, con possibilità di discutere sempre lunedì 26 o in data da definirsi a febbraio.

mi mandate e/o postate qua (in modo che gnuno si possa fare un’idea delle tesi che sosterranno gli altri) l’abstract del libro scelto (max una pagina) entro domenica?

Annunci

3 Risposte to “riepilogo esame 26 gennaio”

  1. Lucia Corsetti Says:

    Sintesi della sintesi della sintesi (per lasciare un pò di suspance in vista del dibattito):

    Libro l’immagine del leader di mauro barisione

    Concezione dell’immagine del leader non come finzione ma come insieme di attributi politico-personali ovvero tratti personali politicamente rilevanti.

    Capacità dell’immagine performativa di influenzare le scelte degli elettori siano questi più o meno sofisticati.

    Crescente importanza nelle scelte elettorali dell’immagine del leader con la parallela diminuzione delle appartenenze partitiche e del peso delle ideologie.

    Un leader o un altro fa differenza, ma tale differenza è variabile in relazione alla maggiore o minore competitività del contesto elettorale.

  2. Sole Says:

    “Perché siamo antipatici” di Luca Ricolfi.
    Sindromi della sinistra:
    schemi secondari e riduzione della dissonanza cognitiva, tendenza a “neutralizzare” le evidenze empiriche, privilegio della cornice/del contesto generale;
    linguaggio politicamente corretto;
    abuso del linguaggio codificato;
    senso di superiorità etica, atteggiamento pedagogico e presunzione di avere una missione salvifica nei confronti della “parte sana” del paese.
    Queste sono le quattro malattie da cui la sinistra è affetta in maniera maggiore e più profonda rispetto alla destra e sono tutte riconducibili a schemi linguistici ed interpretativi diversi e distanti dal sentire comune. Sono esse a suscitare il sentimento di antipatia nei confronti della sinistra riscontrabile nell’elettorato che non sia già schierato e si presenti come potenzialmente conquistabile. La causa primaria, quindi, della sconfitta elettorale è rintracciabile nel differenziale comunicativo tra destra e sinistra.

  3. Vincenzo Says:

    La raccolta di saggi curata da Mellone&Newman (l’apparenza e l’appartenenza) giunge alla conclusione alla quale tutti guardano da qualche anno: il mercato politico è il mercato commerciale. Non ci sono più mezzi termini, il marketing ha soppiantato ogni altra teoria e i sondaggi hanno spazzato via il ruolo che avevano i volontari. Il partito è diventato solo una marca che serve non più come collante.
    Cosi i vari autori ci portano a valutare la politica come un mercato e teorizzano strategie di marketing, comunicazione che vanno a stravolgere la normale prassi politica che fino a ieri ha regolato la vita politica del nostro e di altri paesi.
    Le tesi teoriche sono altresì verificabili, o almeno si cerca di farlo, con esempi che vengono da altre nazioni come Gran Bretagna e USA. Ovviamente il libro si chiude con il “discorso italiano” ossia di come gli sviluppi nel nostro paese possano portare a casi come il new labour. Il libri soffre solo il fatto che, essendo edito nel 2004 non cita e non tiene presente i casi più recenti.
    Invece il testo di Calise (il partito personale) parte da una considerazione e la sviluppa: i partiti si stanno estinguendo, al loro posto la leadership e il “partito personale” sta soppiantando le vecchie organizzazioni.
    Le elezioni dei sindaci, la loro popolarità e le liste civiche che quasi sostituiscono i partiti tradizionali sono solo il sintomo di un discorso più ampio: i partiti o sono morti o stanno morendo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: