Archivio dell'autore

riepilogo esame 26 gennaio

gennaio 21, 2009

lunedì l’esame è alle 15.30 in D5 aula/oo1.

la discussione come previsto sarà collettiva: ciascuno si prepari a sostenere le tesi del libro scelto – poco importa che vi convincano o meno – in una discussione sul perchè dei risultati delle elezioni politiche 2008.

chi non deve sostenere l’esame ma ha partecipato a progetto pd e discussioni varie può fare da moderatore, o almeno da pubblico.

durante l’esame fate come se foste l’autore del libro scelto, coerenti, decisi, cercando di convincere gli altri della bontà delle vostre tesi. preparatevi dai 3 ai 5 minuti a testa per un intervento iniziale e poi si discuterà.

confermerei l’idea di registrare sia audio che video, io provo a portare una telecamerina, chi ha apparati tecnologici li porti.

per chi ha scelto di fare l’esame individuale la discussione sarà tradizionale, con possibilità di discutere sempre lunedì 26 o in data da definirsi a febbraio.

mi mandate e/o postate qua (in modo che gnuno si possa fare un’idea delle tesi che sosterranno gli altri) l’abstract del libro scelto (max una pagina) entro domenica?

data esame

dicembre 19, 2008

UPDATE: esame deciso per lunedì 26 alle 15.30. prossimamente l’aula.

ci sarà inoltre una data a metà febbraio per chi non è interessato alla discussione collettiva.

—-

l’esame, se mi confermate che in linea di massima per voi è ok, sarà nell’ultima settimana di gennaio, tra il 26 e il 30. non appena mi confemrano disponibilità d’aula confermerò il giorno esatto.

fatemi invece sapere per il ppt con l’aggiornamento del lavoro sul pd. e semmai discutiamo aggiornamenti dopo l’ultima settimana (tra abruzzo, indagini e commenti) e direzione di oggi. commentate commentate commentate.

e buone feste.

esame

dicembre 10, 2008

info definitive sull’esame.

– chi deve sostenere solo un modulo da tre crediti e non ha partecipato al progetto: un libro a scelta dalla lista che segue.

– chi deve sostenere il modulo da 6 crediti e non ha partecipato al progetto: due libri a scelta dalla lista che segue.

– chi deve sostenere il modulo da 6 crediti e ha partecipato al progetto: un libro a scelta dalla lista che segue.

 

entro il giorno dell’esame (gli appelli saranno indicati nelal prossima settimana) occorre inviare un abstract (rigorosamente non oltre una pagina) di ciascun libro studiato, cone le cose a vostro parere più importanti.

 

la discussione, come proposto e accettato da chi ha frequentato e partecipato al progetto, potrà essere collettiva, nella formula-dibattito indicata a lezione (un dibattito sui perchè del risultato elettorale italiano del 2008  in cui ciascuno difende a oltranza, e argomenta, il punto di vista del libro scelto – per qeusta ragione ciascuno dovrà portare un libro diverso).

l’esame collettivo sarà nell’ultima settimana di gennaio.

chi non è interessato alla discussione collettiva potrà sostenere regolarmente l’esame individualmente. 

 

ECCO LA LISTA DEI LIBRI TRA CUI SCEGLIERE (in grassetto indicati i libri già scelti da qualcuno per la discussione collettiva)

Roberto Grandi e Cristian Vaccari, Elementi di comunicazione politica, Carocci, 2007

Mark Penn, Microtrends, Sperling e Kupfer, 2008

Jacques Séguéla e Thierry Saussez, La prise de l’Elisèe, Plon, 2007

Mauro Barisione, L’immagine del leader. Quanto conta per l’elettore?, il Mulino, 2006

Giancarlo Bosetti, Spin. Trucchie e teleimbrogli della politica, Marsilio, 2007

Luca Ricolfi, Perché siamo antipatici. La sinistra e il complesso dei migliori prima e dopo le elezioni del 2008, Longanesi, 2008

Drew Westen, La mente politica, ilSaggiatore, 2008

Fabrizio Tonello, La politica come azione simbolica, FrancoAngeli, 2003

Daniele Pitteri, Democrazia elettronica, Laterza, 2007

Federico Boni, Il superleader, Meltemi, 2008

Frank Luntz, Words that works, Hyperion, 2007

George Lakoff, Non pensare all’elefante, Fusi orari, 2006

Angelo Mellone e Bruce Newman (a cura), L’apparenza e l’appartenenza. Teorie di marketing politico, Rubbettino, 2004

riepilogando

novembre 27, 2008

settimana prossima riprendiamo il ragionamento sul progetto avendo pronta la presentazione ridotta (10 slide a gruppo) e portando l’identikit del giovano cui rivolgersi (identikit concreto, fatto di azioni quotidiane, gusti, marche …. vissuti e immaginari). inoltre stimoli di qualsiasi genere che possano essere utili alla strategia. e idee, di qualsiasi tipo, non scartate niente.

la prossima settimana daremo forma alla strategia ragionando in termini di racconto e di linguaggi. e decideremo cosa produrre.

date un’occhiata a declare yoursef ci sono ari video e campagne su tema giovani e politica.

sul pd in generale qua – nella colonna dowload a sinistra – ci sono vari doc di una ricerca sulle primarie, quindi un po’ vecchia, ma magari ci può essere qualcosa di utile.

fase 1: ricerca

novembre 21, 2008

suddividerei il lavoro di ricerca e analisi nei punti che seguono.
sul punto n.5 vorrei che ci lavoraste tutti, significa solo tenere le antenne accese e raccogliere e riportare stimoli.
dividetevi invece in gruppi gli altri 4 punti. fatemi sapere come vi organizzate.

1. i dati di contesto:  dati elettorali (aree geografiche, segmentazioni, flussi…), sondaggi e clima d’opinione dalle elezioni ad oggi, ricerche su temi specifici (Alitalia, crisi …), ricerche sulla società italiana.
2- il soggetto pd: manifesto dei valori, statuto, programma, profilo del segretario, discorsi dei principali leader (temi, toni, parole chiave, simboli, metafore …).
3. l’agenda: le posizioni del pd (e degli altri soggetti concorrenti: pdl, sinistra radicale, idv) sui principali temi in agenda dalle elezioni ad oggi (spazi valoriali, programmatici, simbolici occupati, alleanze e costruzione del nemico….).
4. l’immagine prodotta dal pd: campagne di affissione, sito, youdem.

5. gli immaginari di contesto: stimoli da spot, fiction, letteratura, eventi, immaginari sociali in genere, consumi: tutto quello che può essere utile per migliorare il linguaggio.

ciascun gruppo prepari una presentazione dei dati raccolti e delle analisi fatte che presenterà agli altri settimana prossima, con tanto di materiali multimediali o dati o quello che serve per spiegare e per completare le riflessioni insieme.

se c’è altro che era emerso e che mi è sfuggito o che vi pare utile, proponete.

info utili: l’esame

novembre 21, 2008

l’esame sarà diviso in due parti, come già detto.

avendo deciso di lavorare ad un progetto, il lavoro stesso costituità la prima parte (esaustiva per chi deve solo sostenere l’idoneità (o mezzo esame)).

sarà completato poi, come previsto, dalla discussione di un libro tra quelli indicati, da concordare.

chi non parteciperà al progetto sosterrà solo l’orale su un programma più ampio.

???

novembre 14, 2008

in attesa di leggere e commentarvi, e salutando lietamente l’arrivo dei post ; ) , mi date un parere su questo?

chi ci va poi ci racconti la dajenight … io sono rimasto bloccato qua.

post???

novembre 13, 2008

visto che mi dite ne state parlando, perchè non scriverne? non post perfetti …. discussione aperta ….

oppure venite a discutere su fb, qua.

no il dibattito no

novembre 6, 2008

allora, mi pare interessante il dibattito sul rapporto tra comunicazione e politica, da sviluppare però, perchè penso sia importante, seppur non condividere “valorialmente” una posizione unica, arrivare alla condivisione di un punto di vista utile professionalmente alle cose che ci stiamo dicendo.

mi sembra poi che sicuramente c’è un problema di codici, che vuol dire per voi (e per me) comunicazione? usiamo la stessa parola ma diciamo cose diverse, quindi mi pare utile metterci d’accordo e trovare un codice comune.

ancora sarebbe utile capire cosa ciascuno intende per politica, anche in questo caso per partire dalle definizioni e arrivare al punto di vista della consulenza.

insomma una delle cose che mi sento di suggerire a chi vuole fare il consulente politico è di distinguere tra le proprie convinzioni, sia politiche che sulla politica, da quella che è la prospettiva “utile” di lavoro. in mezzo, se ci fosse una distanza, si pone la questione etica.

vi propongo allora di usare questi dieci giorni prima di rivederci per provare ciascuno a ragionare su:

– una definizione di politica

– una definizione di comunicazione

– i loro rapporti

– la propria lettura, seguendo le definizioni date, delle elezioni americane

– gli elementi centrali della dinamica complessiva “comunicazione politica” (quelli che io ho indicato come leader messaggio emozione/interesse linguaggio)

– la lettura della campagna americana distinguendo dove è solo costruzione pubblicitaria e dove c’è un contenuto (ad es.: lo spot make history: è solo pubblicità o è politica?)

spero si capisca, se no ditelo. se avete o vi fate un account wordpress e me lo mandate vi invito così potete postare direttamente. anche cose provvisorie, ipotesi, quello che vi viene in mente se ci pensate. poi si discute e commenta.

se sapete che c’è qualcuno che non passa di qua ma è interessato avvisate.

in bocca al lupo se avete esami e HOPE!

3. il percorso di marketing politico

novembre 4, 2008